Mangiare i germogli

 manina di un bambino curioso di capire come funziona la germogliazione

I germogli sono un cibo molto sottovalutato, credo sia perchè mancano completamente nelle nostre ricette tradizionali e perchè non si trovano freschi insieme alle verdure nel supermercato, ma solo in barattolo o in negozi specializzati.
Un altro buon motivo per evitarli è che l'aspetto suggerisce un sapore "erboso".
Se provate a sperimentarli scoprirete che i sapori sono diversi tra loro (piccanti, dolci e ... ve bene, sì: alcuni anche erbosi!) e troverete il modo migliore di aggiungerli alle vostre ricette.
Per mantenere tutte le proprietà benefiche sarebbe meglio consumarli crudi, magari in una bella insalata mista, ma io li mangio volentieri anche cotti (giusto 1 minuto).

Il nostro barattolino di germogli di trifoglio



Voglio subito confessare che la mia passione per i germogli nasce dal ristorante cinese, più che dall'interesse per il cibo sano, quindi li mangio perchè mi piacciono il sapore e la croccantezza (insomma, come per le tisane...).
Mia mamma invece da anni studia il potere terapeutico degli alimenti e con il giusto criterio fa germogliare i semi e i legumi adatti alle diverse esigenze, per questo le regalai tempo fa un bel germogliatore da vera professionista in cui possono crescere contemporaneamente piantine con diverse necessità: qui trovate le istruzioni dettagliate.

Io che sono più spartana in questi anni ho cominciato a coltivarli nel germogliatore autoprodotto secondo le istruzioni di Erbaviola e mi sono sempre trovata bene ma, quando Paolo mi ha fatto notare che sembrava proprio ora di buttarlo, ho deciso di provare il metodo del barattolo: devo dire che funziona a meraviglia, è molto più carino da vedere (non lo tengo al chiuso perchè la mia cucina è sufficientemente buia) e più facile da pulire, quindi credo che continuerò così.
Se vi piacciono i germogli provate a farli in casa, credo che vi darà grandi soddisfazioni!

Se le istruzioni vi sembrano complicate vi posso dire che non ho mai seguito le tempistiche alla lettera, ma alla fine tutto è germogliato, state solo attenti alla pulizia, a non lasciare ristagni d'acqua e nel dubbio buttateli: l'ambiente umido e buio è ottimo per la proliferazione di batteri, quindi non mangiate germogli che abbiano odore o aspetto sgradevoli!!! Lavate bene i germogli prima di mangiarli, vi aiuterà ad eliminare anche le bucce dei semi che non hanno un sapore gradevole.

Una precisazione sui germogli di soia: quelli che vengono usati nei ristoranti cinesi e si trovano anche al supermercato non sono germogli di soia, ma di Fagiolo Mungo ("Vigna radiata" il nome tecnico, ma li trovare anche come "soia verde" o "azuki verdi"). I germogli di soia gialla hanno un sapore orripilante.



Post più popolari